Survey

Link Diretto al Survey: www.dancemedicineitalia.com/survey

Questo progetto nasce dal lavoro di Angela Contri e Sara Muccioli, laureande in Fisioterapia presso l’Università degli Studi di Ferrara che, assieme al Dott. Omar De Bartolomeo, ortopedico del Teatro alla Scala di Milano, nonché Dottore di Ricerca in Scienze Morfologiche presso l'Università degli Studi di Milano e Professore a contratto per il corso di laurea in Tecnici Ortopedici, ed al suo staff, le fisioterapiste del Corpo di Ballo e dell’Accademia Teatro alla Scala Sara Benedetti ed Eva Fasolo, stanno realizzando il Primo Studio a livello Nazionale sugli infortuni nella danza. 

Questo studio epidemiologico osservazionale è stato creato al fine di studiare la prevalenza degli infortuni nel panorama italiano della Danza attraverso un sondaggio on-line indirizzato a danzatori ed allievi danzatori. 

Attualmente non esiste nessun lavoro scientifico che indaghi nel suo insieme la realtà Italiana, e questo progetto nasce dalla voglia di avere dati oggettivi, per poter fotografare la situazione attuale, poter delineare quali siano i rischi maggiori a cui un danzatore che esercita la sua professione in Italia è esposto ed evidenziare i fattori di rischio che rendono alcuni soggetti più predisposti di altri a sviluppare determinati infortuni.

Questo iniziale sondaggio vuole essere la base per lo sviluppo di una rete nazionale di riferimento per i danzatori professionisti, che si occuperà poi di sviluppare linee guida di comportamento ed esercizi mirati per i soggetti che evidenzieranno un maggior numero di fattori di rischio per lo sviluppo di determinate patologie. Il fine ultimo deve essere di aiuto al danzatore ed alla compagnia stessa, per una riduzione delle giornate di infortunio e la garanzia di una più completa e sicura presenza alle varie attività e performance.

L'intento finale è quello di sviluppare un percorso simile a quello del Dancers Wellness Project di Gary Galbraith, che assista danzatori, educatori e professionisti nel campo della medicina che si interfacciano con i danzatori, e faciliti la ricerca.

Il lavoro è in linea con i progetti che stanno sviluppando al National Institute of Dance Medicine and Science (NIDMS) di Londra, leader mondiale nella Dance Science, con cui la nostra equipe è in contatto. Attraverso la sua manager, Helen Laws, potrebbe entrare a far parte del primo progetto europeo di ricerca epidemiologica sugli infortuni ed entrare nella rete europea come rappresentativo della danza italiana.

 Step finale fisioterapico di questo progetto sarà quello di individuare percorsi specifici di riabilitazione, qualora il danzatore si trovasse in una situazione di dolore o di infortunio: trattamenti specifici per danzatori, nel rispetto della loro gestualità e delle metodiche ad essi più affini ed appropriate, ricordando che il loro corpo è lo strumento principe del loro lavoro.

 Il Sondaggio

Il sondaggio è diviso al suo interno in 5 raggruppamenti di domande più una domanda finale, di struttura piuttosto libera, che darà modo al danzatore di poter esprimere in maniera meno strutturata le sue preoccupazioni ed i suoi desideri riguardo alla propria vita di danzatore.

I 5 gruppi in cui le domande sono state suddivise sono:

  • Generalità
  • Wellness
  • Danza
  • Specifiche problematiche regionali
  • Infortuni e Riabilitazione

Domande specifiche si svilupperanno caso per caso, nel procedere del sondaggio, a seconda delle risposte date alle precedenti domande, per approfondire alcune tematiche più trascurate, non solo in Italia, ma a livello mondiale, come le patologie a carico del cingolo scapolare. Ci aspettiamo di evidenziare che questo problema sarà, in effetti, più diffuso di quanto non si pensi, dato che spesso non richiede la completa sospensione dell’attività, ma comporta comunque un profondo impatto sia a livello psicologico che di performance fisica.

Gli infortuni nella danza sono piuttosto frequenti e non sono solo un problema per il danzatore colpito, ma per l’intera compagnia, anche dal punto di vista economico.

Si ritiene che, a livello mondale, il costo globale degli infortuni nella danza e nello sport superi il Bilione di dollari l’anno e per questo motivo la prevenzione è divenuta una priorità essenziale per i professionisti sanitari e gli educatori, sia per l’aspetto del dolore e della disabilità che ne consegue, che per l’impatto economico sulla società.

Il testo dell’indagine sarà disponibile sia in italiano che in inglese (per avvicinarci alle esigenze dei danzatori stranieri che studiano e lavorano in Italia) e sarà possibile passare da una lingua all’altra in ogni momento, durante la compilazione.

Il questionario sarà completamente anonimo e le informazioni date saranno analizzate a fini statistici nel più assoluto rispetto della Privacy per rilevare la situazione dei danzatori professionisti in Italia e poterla confrontare in seguito con realtà estere.

È al momento disponibile on line una versione a libero accesso del sondaggio, ed un'altra il cui accesso è riservato solo ai danzatori che fanno parte di un campione selezionato.

Ci piacerebbe però che tutti i danzatori italiani partecipassero con le loro risposte, per poter confrontare i dati emersi dall'analisi del campione con quelli di una più grande realtà italiana. Abbiamo bisogno anche del tuo contributo!

Se vuoi partecipare al sondaggio clicca QUI

Da questo link sarà sufficiente cliccare su “Sondaggio Infortuni nella Danza ACCESSO LIBERO” per accedere direttamente al questionario.

Vi ringraziamo di cuore della collaborazione, nella speranza di poter contribuire a rendere l'Italia un paese migliore per i danzatori!

 

Per ogni dubbio o necessità di ulteriori chiarimenti non esitate a contattarci!

Angela e Sara

Angela Contri   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   3478824741

Sara Muccioli   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  3201747893

www.dancemedicineitalia.com